Stanze multisensoriali sempre più avanzate per la cura dei disturbi dell’autismo

Sono state da poco inaugurate due delle stanze multisensoriali più tecnologicamente avanzate d’Italia.

Stanze multisensoriali sempre più avanzate per la cura dei disturbi dell'autismo

Una a Vercelli  nella sede messa a disposizione dall’Anffas,  realizzata da Angsa Novara-Vercelli (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e da Biud10 (onlus vercellese che ha finanziato il progetto).

L’altra inaugurata negli stessi giorni a Casa Sebastiano, struttura all’avanguardia per la cura dell’autismo della Fondazione Trentina Autismo.

Come sappiamo l’ambiente e le modalità degli stimoli ambientali sono molto importanti per le persone affette da disturbi dello spettro autistico. Sono molto più sensibili agli stimoli rispetto alle persone considerate normali. L’eccesso di stimoli irritativi possono creare grossa confusione ed incapacità o difficoltà nella reazione. Possono essere fonte continua di ansia e stress.

Leggi anche: Il mondo visto da una bimba autistica. Lo spot apre gli occhi sulla malattia

Da queste considerazioni  nasce un importante filone di studi volte a cercare di creare ambienti che permettano di limitare al minimo gli stress irritativi e di favorire il rilassamento e le interazione in queste persone.  Che sono sottoposte costantemente ad un eccesso di stimoli, che dalle persone non autistiche vengono considerati normali.

Si è così regalato un sogno alle persone con disturbi dello spettro autistico e problemi comportamentali.

Dentro pedane rotanti, un’altalena di tessuto, un cuscino avvolgente, due nicchie, fibre ottiche, un proiettore per foto e video, fasci di luce e oggetti sensoriali. La personalizzazione delle impostazioni consente scelte sostenute dalle esigenze dei vari bambini ed adolescenti: ogni fruitore avrà i suoi video, musica, vibrazioni, aromi.

Le stanze sono il risultato di una progettazione integrata e prevede esperienze di scoperta, rilassamento e interazione. Un ambiente che facilita l’autodeterminazione e migliora la qualità della vita. Permette di intervenire sugli stati di disregolazione comportamentale e sui disturbi sensoriali oltre a costituire un contesto privilegiato per l’interazione.

Di solito le luci al neon producono effetti pesanti. Qualche minuto trascorso in queste stanze basta per trovare un equilibrio che può durare settimane.

 


Visita il sito: il mio amico pediatra

Se hai trovato interessante questo articolo condividilo oppure regalaci un mi piace sulla nostra pagina facebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...